Autore: <span>Giuseppe Lumia</span>

LE PERIFERIE URBANE: DA IMMENSO PROBLEMA A OPPORTUNITÀ DI RIGENERAZIONE SOCIALE, AMBIENTALE, EDUCATIVA E CULTURALE. “I MALI DI ROMA” DEL 1974 E “I NUOVI MALI” DI OGGI.

Il Convegno Ecclesiale su “I Mali di Roma” del 1974 è una tappa da conoscere bene per coltivare buone memorie ed ispirare nuove progettualità nell’affrontare la situazione drammatica delle periferie urbane. È stata un’ottima scelta, pertanto, quella del Dipartimento di Comunicazione e di Ricerca Sociale dell’Università “Sapienza” e dell’Istituto di Studi Politici San Pio V di riprendere il …

LA STORIA DI BEPPE ALFANO, INSEGNANTE E GIORNALISTA, MA SOPRATTUTTO UOMO CORAGGIOSO, UCCISO DAL SISTEMA POLITICO-MAFIOSO

L’ 8 gennaio, in occasione del 31° anniversario dell’omicidio di Beppe Alfano, ho partecipato alla commemorazione organizzata dalla famiglia a Barcellona Pozzo di Gotto. Una storia di depistaggi, di mascariamenti, di negazionismo e minimalismo. Ma anche di coraggio, quello di Beppe Alfano, quello di una famiglia unita e determinata nella ricerca della verità per ottenere giustizia, con il …

CON LE SCUOLE DI CASSANO ALL’IONIO, SUI PASSI DI PEPPINO E NELLO SPIRITO DI PADRE PUGLISI.

La mattina del 19 Dicembre ho incontrato gli alunni e le alunne di due Istituti della provincia di Cosenza, uno di scuola primaria e media inferiore, situato in una frazione a rischio di Lauropoli, e l’altro di scuola superiore, a Cassano.Qui studenti ed insegnanti sono impegnati in un percorso culturale ed educativo così qualificato che apre il cuore: …

CAMBIAMENTO CLIMATICO. ALLA COP 28 DI DUBAI BISOGNA DECISAMENTE DARE UNA SVOLTA. DIVERSAMENTE PASSIAMO SOLO GUAI

È in corso la Cop28 a Dubai, sotto la contestata presidenza degli Emirati Arabi Uniti. La Conferenza dell’Onu è chiamata a dare una svolta seria e progettuale alla lotta al cambiamento climatico. Non si può più giocare con il devastante “negazionismo” e soprattutto con l’insidioso e ipocrita “minimalismo”, emerso persino dalle dichiarazioni dello stesso presidente della Cop28, Sultan …

33° VERTICE DELLA FONDAZIONE CAPONNETTO. L’ANTIMAFIA E’ ANCORA UNA GRANDE RISORSA PER LA DEMOCRAZIA E PER LA LIBERAZIONE DEL PAESE DAL GIOCO MAFIOSO.

A Firenze, la magnifica Sala Sibilla Aleramo della Biblioteca delle Oblate ha fatto da cornice ad un partecipato confronto per ripensare e riprogettare il cammino dell’Antimafia. Nello stile di nonno Nino Caponnetto e con la tenacia di nonna Betta, il Vertice di quest’anno si è aperto con il summit organizzato dai Tulipani Rossi “Verso gli Stati Uniti d’Europa” …

DIALOGO SUI TRAVAGLI DELLA FEDE, LETTERA DEL 16 NOVEMBRE: IL DOLORE

Il dolore è una dimensione preponderante dell’esistenza, che affonda quando meno ce lo aspettiamo nella vita di ognuno di noi e che segna anche questo momento storico così travagliato. Non c’è persona che non lo viva, non c’è società che non lo produca: il dolore è in sostanza parte integrante del cammino dell’umanità.
Anche la Chiesa ha compreso, seppure in ritardo, che ignorare questa doppia condizione non va bene, che era un errore sbilanciare l’esistenza umana solo sul dolore e sulla sofferenza. Nella storia più recente della Chiesa, grazie all’evento del Concilio Vaticano II, si è compreso che la fede non si coltiva nel castello dorato, sbarrato e ben protetto della “societas”, per di più considerata “perfecta”, ma nel vasto, aperto e plurale Popolo di Dio, che nel suo radicarsi nella vita fa proprie “le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d’oggi”.

COSA NOSTRA TRA LA SICILIA E GLI STATI UNITI. IL LEGAME CONTINUA

Un altro colpo alla mafia. Stavolta si è agito contro i boss dei due mondi: Sicilia e America. Due mondi mai separati e collegati da un lungo ponte trafficato. Boss strutturati a New York, nella longeva famiglia dei Genovesi. Una famiglia mafiosa che ha subìto continue condanne con numerosi ergastoli e cospicui sequestri di beni. Stessa sorte per …

ISRAELE E PALESTINA, IL LIVELLO PIÙ INFIMO È STATO TOCCATO. ADESSO LA SOLUZIONE POLITICA: DUE POPOLI E DUE STATI, ENTRAMBI DENTRO L’EUROPA

Nella scala della disumanità la guerra occupa il livello più alto, ma stavolta in Medio Oriente stiamo assistendo a qualcosa che va ancora oltre, per raggiungere livelli di crudeltà indicibili. Hamas ha scatenato una violenza senza fine. La reazione purtroppo non è da meno. Ai sostenitori sinceri della causa palestinese deve essere chiaro che l’operato di Hamas è …

LA STRAGE DI MARZABOTTO: DALLA MEMORIA ASTRATTA ALLA MEMORIA CONCRETA

Bisogna ascoltare i dettagli della tragedia accaduta tra la fine di settembre e i primi di ottobre del 1944. La mattina del 29 settembre, da quattro lati della vallata, iniziarono i rastrellamenti da parte delle truppe nazifasciste di bambini, donne e anziani, che furono ammassati e poi massacrati nei modi più orribili e cruenti, con un accanimento che …